Questo sito contribuisce alla audience di

Tiròlo (Stato federato dell'Austria)

(Tirol). Stato federato dell'Austria occidentale, 12.648 km², 693.432 ab. (stima 2005), 55 ab./km², capoluogo: Innsbruck. È formato da due territori nettamente separati dal Salisburgo sudoccidentale: il Tirolo vero e proprio e il Tirolo Orientale (Osttirol). Confini: Salisburgo (E), Carinzia (E), Vorarlberg (W); Germania (N), Italia (S, W), Svizzera (SW).

Il territorio, che costituisce parte della regione storica omonima, è prevalentemente montuoso ed è attraversata da valli longitudinali al sistema alpino, rispettivamente quelle dell'Inn e della Drava. In queste vallate, che rappresentano l'asse morfologico, idrografico ed economico della regione, convergono numerose valli laterali, trasversali all'orientamento alpino. Tra i gruppi montuosi principali a N dell'Inn sono le Alpi di Algovia, le Alpi di Lechtal, le Alpi Bavaresi e il Karwendel; a S dell'Inn il Silvretta, le Alpi di Ötztal, le Tuxer Alpen, le Stubaier Alpen e le Alpi di Kitzbühel; nel Tirolo Orientale gli Alti Tauri e le Alpi Pusteresi. I fiumi più importanti sono l'Inn con i suoi tributari (Rosanna, Trisanna, Ötztaler Ache, Ruetz, Sill, Ziller), la Drava con il suo affluente Isel e il Lech, affluente del Danubio. Nella parte settentrionale domina il clima temperato, fresco e con abbondanti precipitazioni, nella valle dell'Inn e sue convalli il clima è quello di alta montagna. Il Parco nazionale di Hohe Tauern (Alti Tauri), istituito in questo Stato federato nel 1992, è compreso nel territorio. La popolazione tirolese è aumentata nel decennio 1991-2001 di circa il 7%, registrando il secondo incremento per quantità dopo il Salisburgo. La popolazione è fra le più giovani dell'Austria (18% sotto i 15 anni, contro la media austriaca di 16,8%). § L'economia tirolese, che un tempo si basava essenzialmente sull'allevamento del bestiame bovino, sull'agricoltura (patate, foraggi), sullo sfruttamento del bosco e del sottosuolo (sale, gesso, magnesite, tungsteno, barite, uranio), è incentrata sull'industria: i settori di punta sono il vetro (Schwaz, Wattens, Absam) e la chimica (Kundl, Fieberbrunn, Erpfendorf, Schwaz e Kufstein), seguono il settore metallurgico e metalmeccanico (Jenbach, Telfs, Kufstein), del legno (Imst, Fügen) e tessile (Brixlegg, Vomp). Il turismo è molto attivo nel Tirolo e i centri più attrattivi sono, oltre al capoluogo, Sölden, Kitzbühel, Neustift nella Stubeital, Sankt Anton am Arlberg e Seefeld. Altri centri importanti sono Kufstein, Lienz, Solbad Hall, Schwaz e Landeck. § Per la storia vedi Tirolo.