Questo sito contribuisce alla audience di

Titicaca, Lago-

bacino lacustre (superficie 8300 km²; profondità massima 272 m) dell'America Meridionale, politicamente diviso tra Perú e Bolivia. Allungato per ca. 180 km in direzione NW-SE, si estende a 3810 m di altitudine sull'altopiano peruviano-boliviano, ai piedi della Cordigliera Orientale delle Ande. Il lago presenta lunghe penisole che delimitano vaste insenature: la maggiore di queste, congiunta al resto del bacino mediante uno stretto passaggio, prende il nome di Lago di Huiñaimarca. Il Titicaca, di origine tettonica, occupava agli inizi dell'era quaternaria una superficie assai più ampia, ridottasi a causa dell'inaridimento del clima e dell'apporto alluvionale di numerosi torrenti, quali il Suches, l'Ayaviri, il Lampa, l'Ilave, il Colorado e il Queca. Emissario del lago è il Rio Desaguadero, che esce dalla sua estremità meridionale, al confine tra il Perú e la Bolivia, e si getta nel Lago Poopó. La regione intorno al lago gode di un clima assai più moderato di quanto comporterebbe l'altitudine. Sulle sue sponde sorgevano notevoli città degli Aymará, di cui sono rimaste interessanti rovine a Tiahuanaco in territorio boliviano e su alcune isole lacustri. Le città più importanti sono ora Puno (Perú) e Guaqui (Bolivia). Pesca.

Media

Lago Titicaca.