Questo sito contribuisce alla audience di

Tjutčev, Fëdor Ivanovič

poeta russo (Ovstug, Orël, 1803-Carskoe Selo 1873). Nobile di nascita, entrò nella carriera diplomatica (1822), trascorrendo all'estero ben ventidue anni, soprattutto a Monaco di Baviera, dove fu in rapporti con H. Heine e F. Schelling e assimilò profondamente il romanticismo tedesco. Rientrò in Russia nel 1844 e frequentò assiduamente i circoli politici conservatori e i ritrovi intellettuali, dove espose con fervore e spirito mordace le sue idee vicine al panslavismo. Perfetta espressione poetica della filosofia del romanticismo è la sua opera, densa di contenuto e di pensiero. La poesia di Tjutčev venne valutata dai simbolisti in tutta la sua importanza anticipatrice. Pubblicò anche numerosi scritti politici, tra cui l'opuscolo La Russie et l'Allemagne.

Media


Non sono presenti media correlati