Questo sito contribuisce alla audience di

Toller, Ernst

drammaturgo tedesco (Szamotin, Posnania, 1893-New York 1939). Condannato a cinque anni di carcere dopo il fallimento della rivoluzione spartachista in cui aveva avuto un posto di primo piano, espresse nelle sue opere il travaglio causato da quel fallimento. Così in Masse Mensch (1921; Uomo massa), “dramma della rivoluzione sociale del secolo XX”, dove i personaggi hanno dimensione simbolica e il linguaggio e la tecnica si caricano di una visionaria tensione espressionistica. Questa si ritrova in Hinkemann (1924), dramma di un reduce, vittima della guerra e della società. Hinkemann finisce suicida, come il rivoluzionario protagonista di Hoppla, wir leben! (1927; Oplà, noi viviamo!), il quale, all'uscita dal carcere, si trova a contatto con una società corrotta e come lo stesso Toller si uccide durante l'amaro esilio.

Media


Non sono presenti media correlati