Questo sito contribuisce alla audience di

Tornatóre, Giusèppe

regista cinematografico italiano (Bagheria 1956). Cresciuto professionalmente all'interno della RAI, realizzando dal 1974 documentari e cortometraggi, ha esordito sul grande schermo come regista della seconda unità di Cento giorni a Palermo (1984) di G. Ferrara, firmando poi da solo, nel 1986, Il camorrista. Del 1988 è Nuovo Cinema Paradiso che, dopo una tiepida accoglienza e successivi tagli e rimaneggiamenti, voluti per lo più dal produttore F. Cristaldi, ha clamorosamente vinto l'Oscar per il miglior film straniero. Ai meno artisticamente fortunati Stanno tutti bene (1990) e Il cane blu, episodio per il collettivo La domenica specialmente (1991), ha fatto seguito Una pura formalità (1994), un sottile thriller psicologico con tre soli personaggi. Con L’uomo delle stelle (1995) Tornatore., con limpido virtuosismo stilistico, è tornato alla sua migliore ispirazione; il film è stato candidato all'Oscar 1995 come miglior film straniero ed è stato premiato alla Mostra del cinema di Venezia nello stesso anno con il Premio speciale della giuria. Nel 1998 ha realizzato La leggenda del pianista sull’oceano, tratto dal testo teatrale Novecento di A. Baricco, e nel 1999 Malèna, ambientato nella sua terra natale. Nel 2006 ha diretto La sconosciuta, con cui l'anno successivo ha vinto 5 David di Donatello, mentre nel 2009 ha presentato a Venezia Baarìa.

Media

Giuseppe Tornatore.