Questo sito contribuisce alla audience di

Trìplice Alleanza

patto stipulato tra Germania, Austria e Italia nel 1882. Dopo il Congresso di Berlino (1878) Ottone di Bismarck aveva concluso un trattato di alleanza con l'Austria (7 ottobre 1879) e all'inizio del regno di Alessandro III era riuscito ad attirare nuovamente a sé la Russia (1881) ricreando l'accordo dei Tre imperatori. In Italia gli ambienti di corte, preoccupati dall'opposizione socialista e clericale e dall'isolamento diplomatico, si orientarono verso un'alleanza con la Germania. Bismarck però non voleva trattative che escludessero l'Austria e nemmeno un patto che assumesse un senso troppo antifrancese, per cui si giunse alla stipulazione di una triplice alleanza tra Italia, Austria e Germania a carattere segreto e puramente difensivo. Firmata a Vienna il 20 maggio 1882, stabiliva: l'intervento tedesco a favore dell'Italia o quello italiano a favore della Germania in caso di attacco francese; l'intervento delle parti contraenti in caso di attacco di due o più grandi potenze a uno degli Stati firmatari; la benevola neutralità degli alleati nel caso che uno di essi si fosse trovato impegnato in una guerra in condizioni diverse da quelle sopra descritte. Al testo seguiva poi una dichiarazione di ispirazione italiana (caduta nel 1896) in cui si precisava che il trattato non avrebbe dovuto mai essere rivolto contro l'Inghilterra. Negoziata in condizioni assai sfavorevoli, l'alleanza non era molto vantaggiosa per l'Italia e nei successivi rinnovi (1887, 1891, 1896, 1902, 1907, 1912) furono perciò introdotti notevoli emendamenti che la resero più conforme agli interessi italiani. Scoppiata la prima guerra mondiale, l'Italia dichiarò la propria neutralità in base all'articolo 3 del trattato che imponeva l'aiuto reciproco solo in caso di aggressione di un alleato da parte di due potenze e il 3 maggio 1915 denunciò il patto accusando l'Austria di non aver osservato le clausole che le imponevano consultazioni e compensi nei confronti dell'Italia in caso di mutamento dello statu quo nei Balcani.

Bibliografia

E. Bernadotte Schmitt, Triple Entende and Triple Alliance, New York, 1954; L. Salvatorelli, Leggende e realtà della Triplice Alleanza, in “Miti e storia”, Torino, 1964; C. Morandi, La politica estera dell'Italia, Firenze, 1968; G. Salvemini, La politica estera (1871-1914), Milano, 1970; F. Chabod, Storia della politica estera italiana dal 1870 al 1896, Bari, 1990.

Media


Non sono presenti media correlati