Questo sito contribuisce alla audience di

Trauberg, Leonid Zacharovič

regista cinematografico sovietico (Odessa 1902-Mosca 1990). Tra i giovani fondatori negli anni Venti della FEKS (Fabbrica dell'attore eccentrico), fu unito a G. Kozincev nei film dal 1924 (Le avventure di Ottobrina) al 1945 (Gente semplice, ed. 1956) ed è quindi il coautore di classici quali La nuova Babilonia (1929) e la “Trilogia di Massimo” (1935-39). Da solo realizzò L'attrice (1943), I soldati in marcia (1958) e una versione televisiva delle Anime morte di N. Gogol (1960); con A. Tutyškin Vento libero (1961), dedicandosi poi alla sceneggiatura e alla storia del cinema. Il fratello minore Ilja (Odessa 1905-Berlino 1948), anch'egli regista, legò il suo nome all'incalzante film L'espresso azzurro (1929, poi musicato a Berlino da E. Meisel), tutto ambientato in un treno che percorre l'Estremo Oriente.

Media


Non sono presenti media correlati