Questo sito contribuisce alla audience di

Travolta, John

attore cinematografico statunitense (Englewood, New Yersey, 1954). Già lanciato dalla televisione USA in Welcome Back, Kotter (1975-79), è letteralmente esploso a star internazionale di livello assoluto con Saturday night fever (1977; La febbre del sabato sera) – anche se aveva debuttato l'anno prima in Carrie (Carrie lo sguardo di Satana) di B. De Palma – nei panni di un proletario italoamericano maniaco della disco dance in cerca di un'affermazione esistenziale. Vero fenomeno di adorazione giovanile, s'è confermato l'anno successivo nel musical Grease, in cui oltre all'appeal ha ribadito le sue notevoli doti di ballerino. Dopo Urban Cowboy (1980) e il thriller Blow Out (1981) ancora di De Palma, la sua quotazione nella borsa dei divi ha subito un brusco stop, conseguente al fallimento di Staying Alive (1983), sequel de La febbre del sabato sera diretto da S. Stallone. Look who's talking (1989; Senti chi parla) è la fortunata commedia sentimentale che ha avuto ben due sequel nel 1990 e nel 1993. Negli anni Novanta infine una grande interpretazione in Pulp Fiction (1994) di Q. Tarantino come sbadato e sanguinario killer, lo fa ritornare stella di prima grandezza, che il successo di Get shorty (1995) e di Phenomenon (1996) non può che ribadire. Nel 1997 è il protagonista di Michael e She’s so lovely di N. Cassavetes e Face/Off di J. Woo. Primary Colors (1998; I colori della vittoria) di M. Nichols sembra ispirarsi alle vicende giudiziarie del presidente degli USA Bill Clinton, mentre sucecssivamente sono usciti nel 1999 A Civil Action di S. Zaillian e nel 2000 The General’s Daughter (La figlia del generale) di S. West. Nel 2001 ha lavorato nel film Swordfish, mentre al 2003 risale la sua interpretazione in Basic di J. McTiernan. Nel 2004 ha recitato in The Punisher di Jonathan Hensleigh, in Una canzone per Bobby Long di Shainee Gabel e in Squadra 49 di Jay Russell. Nel 2005 ha lavorato in Be Cool di Gary Gray, sequel di Get shorty e nel 2007 in Svalvolati on the road di Walter Becker e in Hairspray di Adam Shankman. Nel 2010 è protagonista del film From Paris with love.

Media

John Travolta.