Questo sito contribuisce alla audience di

Trinità

comune in provincia di Cuneo (24 km), 383 m s.m., 28,23 km², 1981 ab. (trinitesi), patrono: san Giorgio (23 aprile).

Centro del Fossanese, situato alla destra della Stura di Demonte, sulle rive del torrente Veglia. Possesso del vescovo di Asti (sec. XI), fu feudo dei conti di Santa Vittoria e dei Carrù, che lo vendettero a Mondovì (1250). Passato ai Bressano e quindi agli Acaia, ritornò a Mondovì, che ne affidò la giurisdizione ai marchesi di Saluzzo. Per la resistenza opposta ai francesi nel 1554 ottenne da Emanuele Filiberto privilegi e franchigie (1561).§ La nuova parrocchiale della Santissima Trinità, costruita nel 1759 su progetto di G. Borra, ha facciata neoclassica e interno riccamente decorato. Dell'antica parrocchiale resta il campanile romanico-gotico (sec. XV), accanto alla secentesca chiesa della Confraternita di San Giovanni Evangelista.§ L'agricoltura produce frutta, ortaggi, foraggi, frumento e mais. Particolarmente sviluppato è l'allevamento di bovini da macello. L'industria opera nei settori tessile, alimentare, delle materie plastiche, dei mangimi, dei serramenti e della lavorazione del legno.

Media


Non sono presenti media correlati