Questo sito contribuisce alla audience di

Turgòvia

(tedesco Thurgau, francese Thurgovie). Cantone della Svizzera nordorientale, 991 km², 234.332 ab. (stima 2006), 236 ab./km², capitale: Frauenfeld. Confini: cantoni di San Gallo (SE), Zurigo (SW) e Sciaffusa (NW); Germania (N).

Il territorio, ondulato e affacciato a N e a NE sul di Costanza, è attraversato dal medio corso del fiume Thur, da cui prende il nome, e, nella porzione nordoccidentale, da un breve tratto del Reno. L'area di del cantone è divisibile in tre masse collinari: la prima si distende lungo la costa del lago di Costanza, a N; la seconda è posta tra i fiumi Thur e Murg e la terza si fonde con i monti dell'Hörnli andando a formare il confine meridionale del cantone. La popolazione è in maggioranza di lingua tedesca e per due terzi di religione protestante, mentre la restante parte è cattolica. Principale attività economia è l'agricoltura (vite nella valle di Thur, frutta e soprattutto mele da sidro). Le maggiori industrie, attive nei settori tessile, editoriale e manifatturiero, si concentrano intorno alla capitale e nei centri di Kreuzlinger e Arbon, che sono inoltre porti attivi sul Reno e sul lago di Costanza. § Nella seconda metà del sec. XV le terre del cantone furono definitivamente conquistate dalla Confederazione Svizzera. Nel 1528, dopo numerosi conflitti religiosi, la popolazione turgoviese aderì saldamente alla fede riformata, nonostante i tentativi di rivincita dei cattolici. Solo nel sec. XVIII le due comunità religiose trovarono l'accordo e si poté così passare all'uguaglianza dei diritti. Nel 1798 anche la Turgovia fu liberata dai vincoli di sudditanza ed entrò a far parte della repubblica Elvetica. Con l'atto di mediazione napoleonico del 1803 entrò nella Confederazione come cantone autonomo e sovrano. L'attuale costituzione cantonale risale al 1869.

Media


Non sono presenti media correlati