Questo sito contribuisce alla audience di

Urbina, José María

generale e uomo politico dell'Ecuador (Quito 1808-Guayaquil 1891). Governatore di Manabí (1839), appoggiò la rivolta contro il governo di Juan J. Flores (1845). Fu a capo della rivoluzione del 1851 che portò alla presidenza Diego Noboa ma l'anno successivo lo destituì e si fece eleggere egli stesso presidente (1852-56) esercitando dittatorialmente il potere. Passò poi l'incarico a Robles mantenendo però il potere effettivo; ma un colpo di stato (1859) costrinse entrambi a fuggire in Cile. Di qui tentò un'invasione (1865); finché la rivolta del 1876 lo riportò in patria. Presidente della Convenzione nazionale (1878), quando Vientemilla si proclamò dittatore (1882) si ritirò a vita privata.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti