Questo sito contribuisce alla audience di

Vaasa

città nella provincia di Länsi-Suomi (Finlandia), 5 m s.m., 57.241 ab. (stima 2005).

Situata sulla costa del golfo di Botnia, è un attivo porto commerciale e turistico che si avvale anche del vicino scalo di Vaskiluoto ed è collegato in estate con i porti svedesi di Umeå e Örnsköldsvik. L'attuale sistemazione urbanistica risale in massima parte a quella disegnata dall'architetto C. A. Setterberg nella metà del sec. XIX, con cinque ampi viali che dividono l'abitato in settori. Circa un quarto della popolazione è di lingua svedese. Università. Dal 1862 al 1917 si chiamò Nikolaistad o Nikolainkanpunki. In svedese, Vasa. § Il suo primo nucleo risale sec. XIV, quando fu costruita la fortezza di Korsholm. Eletta a città nel 1606 da Carlo IX di Svezia, Vaasa si sviluppò velocemente, diventando un fiorente porto commerciale. Nel 1794 vi fu fondata la prima biblioteca pubblica della Finlandia. Distrutta completamente da un incendio nel 1852, fu ricostruita dieci anni dopo, con il nome di Nikolaistad, a pochi chilometri dal vecchio sito. Nel 1918, durante la guerra civile, riprese il suo nome originale, diventando la sede del governo contrapposto a quello filobolscevico di Helsinki. § Progettate da C. A. Setterberg sono le due principali chiese, la chiesa luterana Vaasa, in stile neogotico (1862-67), e la chiesa Ortodossa (1861), che contiene preziose icone russe. Il Museo Pohjanmaan, situato in un palazzo degli anni Venti del Novecento (architetto E. Forsman), è dedicato alla storia e al folclore regionali, ma possiede anche la vasta collezione d'arte Hedman costituita da ceramiche, argenti, monete, tessuti e dipinti di pittori finlandesi e stranieri (L. Cranach, J. van Goyen, P. Veronese). Il Museo dell'Arte Tikanoja espone opere di artisti finlandesi dei sec. XIX-XX (M. Wiik, T. Sallinen) e una collezione di capolavori francesi (E. Degas, P. Gauguin, H. Matisse). § L'economia si basa sull'industria, la pesca e il turismo. Aeroporto. § A circa 7 km dal centro attuale si trovano le rovine della vecchia città, che comprendono la fortezza di Korsholm, la chiesa di S. Maria e il municipio; allocato in un edificio del 1798 è un Museo Storico.

Media


Non sono presenti media correlati