Questo sito contribuisce alla audience di

Valèrio Màssimo

(latino Valeríus Maxímus). Scrittore latino (sec. I a. C.-sec. I d. C.). Di modeste condizioni, godette della protezione di Sesto Pompeo (console nel 14 d. C.), al seguito del quale fu più tardi in Asia (27). Tornato a Roma, fra il 31 e il 32 compose un'opera mista di storia, di etica e di enciclopedismo, che dedicò a Tiberio: Factorum et dictorum memorabilium libri novem, vasta raccolta di aneddoti, tratti da fonti storiche greche e romane, relativi alla religione, alle istituzioni politiche e sacre, alla vita morale e culturale, a vizi e virtù, suddivisi in 95 rubriche per ogni tema. Serviva alle scuole di retorica e lo testimonia lo stile declamatorio, acceso nella polemica contro i vizi ed enfatico nel presentare le virtù, pomposo nell'elogio dei personaggi e superficiale nel suo nazionalismo.

Media


Non sono presenti media correlati