Questo sito contribuisce alla audience di

Valentìno (stilìsta)

pseudonimo con cui è noto lo stilista italiano Valentino Garavani (Voghera 1933). Dopo alcuni anni trascorsi a Parigi come disegnatore presso Dessès e Laroche, nel 1959 tornò in Italia per aprire il suo primo atelier a Roma, in via dei Condotti. Sempre nella capitale, dal 1988 ha stabilito la sua sede in palazzo Mignanelli, dove nel 1990 è stata fondata l'Accademia Valentino, un centro culturale a livello internazionale. La sua prima sfilata si è svolta a palazzo Pitti nel 1960, ma la collezione che ha destato più risonanza è stata quella del 1967: 24 modelli, tutti in bianco, dedicati a Jacqueline Kennedy che, in occasione del matrimonio con l'armatore Onassis, avrebbe indossato un suo abito. In quegli anni ha iniziato a firmare i suoi abiti con il monogramma “V”, applicandolo sulle linee prêt-à-porter e sugli abiti da uomo. Nel 1973 ha lanciato le prime linee per l'arredamento e nel 1978 il profumo firmato Valentino. Più tardi ha proposto altre iniziative, tra cui una linea giovane. I suoi abiti sono contraddistinti da una tecnica perfetta in tutte le fasi della lavorazione, da un gusto sicuro e di grande effetto scenografico. Couturier favorito dai capi di Stato e dalle loro consorti, ha fama internazionale. Nel 1998 ha venduto il proprio marchio ad Hdp, che, a sua volta, lo ha ceduto al gruppo Marzotto nel 2002. Nel 2008 si è ritirato dalla sua casa di moda.

Media


Non sono presenti media correlati