Questo sito contribuisce alla audience di

Valente, José Ángel

poeta e critico spagnolo (Orense 1929-Ginevra 2000). Già insegnante a Oxford, ha pubblicato diversi libri di poesia, fra cui A modo de esperanza (1954), Poemas a Lázaro (1960), La memoria y los signos (1966), El inocente (1970), El fin de la Edad de Plata (1973), Interior con figuras (1976), Estancias (1980), Siete cantigos de Alén (1981), Mandorla (1982), El fulgor (1984), Al dios de un lugar (1989), No amanece el cantor (1992). Critico insigne, ha raccolto parte dei suoi saggi in Las palabras de la tribu (1971); ha pubblicato inoltre un Ensayo sobre Miguel de Molinos (1975), La piedra y el centro (1983) e Variaciones sobre el pájaro y la red (1991). El fin de la Edad de Plata è stato successivamente rielaborato in alcune sue parti e risulta sostanzialmente mutato rispetto al testo originale: un duro quanto accorato atto di accusa contro la società. Successivamente ha dato alle stampe Nadie (1996) e Notas di un simulador (1997), fortemente critico verso la scrittura contemporanea.

Media


Non sono presenti media correlati