Questo sito contribuisce alla audience di

Vallo della Lucània

comune in provincia di Salerno (91 km), 380 m s.m., 25,09 km², 8818 ab. (vallesi), patrono: san Pantaleone (27 luglio).

Centro del basso Cilento posto alle falde occidentali del Monte Sacro; è compreso nel Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano. Sorto in un territorio già occupato dai Longobardi, il borgo fu fondato alla metà del sec. XV in una zona appartenente ai signori di Novi. Fu feudo dei Sanseverino e, dall'inizio del sec. XVII, dei duchi di Monteleone; in seguito appartenne agli Zattari e ai Mastrillo. Fu gravemente danneggiato dal terremoto del 1980. È sede vescovile.§ La cattedrale di San Pantaleone, con cupola coperta da mattonelle in maiolica, conserva notevoli altari policromi e tele. La chiesa di Santa Maria delle Grazie (1480 e più tardi rimaneggiata) custodisce un polittico di Andrea da Salerno (1530) e un dipinto di Girolamo Santacroce (1515). In alcune sale del Palazzo Vescovile è allestito il Museo Diocesano.§ La funzione centrale che il paese riveste nell'economia del Cilento ha portato a uno sviluppo del terziario (commercio, servizi sociali, trasporti e credito). Importanti sono anche l'agricoltura (cereali, olive, uva da vino, frutta e foraggi) e la piccola industria, attiva soprattutto nei comparti alimentare e dei materiali da costruzione. Altre risorse provengono dal turismo estivo.

Media


Non sono presenti media correlati