Questo sito contribuisce alla audience di

Vancouver (città)

Guarda l'indice

città del Canada sudoccidentale, 2 m s.m., 603.502 ab. (2011), 2.443.300 ab. (2013) l'agglomerato urbano.

Generalità

Situata nella Columbia Britannica, su una penisola affacciata sullo Strait of Georgia. Maggiore centro economico della provincia e uno dei più importanti del Paese, ha saputo sfruttare la sua posizione strategica, allo sbocco di un'immensa area agricola e forestale e al capolinea di importanti ferrovie e autostrade transcontinentali, per favorire lo sviluppo di attività portuali e industriali. Per l'attenzione verso la sostenibilità ambientale, l'efficienza dei trasporti pubblici, la bassa criminalità e la grande percentuale di aree verdi, Vancouver è costantemente fra i primi posti delle città più vivibili del mondo. A partire dagli anni Novanta del Novecento il suo skyline si è modificato notevolmente, arricchendosi di numerosi grattacieli. La città si caratterizza per la massiccia presenza di immigrati e di comunità straniere, peraltro molto ben integrate: oltre la metà della popolazione, infatti, utilizza come lingua madre una lingua diversa dall'inglese. È sede della University of British Columbia (1908), della Simon Fraser University (1965), dell'istituto politecnico British Columbia Institute of Technology (1960) e della Vancouver Public Library. Anche Vancouver dispone di una città sotterranea, seppure limitata rispetto a quella di Montréal, formata da circa 3 km di gallerie.

Storia

La città venne fondata nel 1886 come terminale ferroviario delle linee transcontinentali e ricevette l'attuale denominazione in onore del navigatore inglese G. Vancouver, che per primo esplorò la costa nel 1792. Negli anni Trenta del sec. XX divenne la terza città più popolosa del Paese e principale porto della costa pacifica. Dopo la seconda guerra mondiale si sviluppò come principale snodo commerciale verso l'Asia e l'area del Pacifico. Negli ultimi anni la sua popolazione ha subito un brusco calo, e oggi è l'ottava del Paese.

Arte

Vancouver ospita importanti musei e gallerie d'arte, tra cui il Museum of Anthropology della University of British Columbia: oggetti e manufatti rappresentano le culture di tutti i continenti, soprattutto quelle dell'area della British Columbia, con imponenti totem dipinti e altre sculture e maschere in legno. Altri musei importanti sono il Vancouver Maritime Museum, il Vancouver Museum e la Vancouver Art Gallery, al cui interno vengono allestite mostre sia contemporanee sia storiche di dipinti, sculture, arti grafiche, fotografia e video di artisti anche di livello internazionale.

Economia

Tra le attività economiche principali si segnala la presenza di importanti industrie attive nei settori alimentare (molitura del frumento, zuccherifici, inscatolamento del pesce), cantieristico, siderurgico, metalmeccanico, chimico, petrolchimico, grafico, cartario, del legno e del mobilio. Il suo porto è il principale del Canada per volume di traffico: si esportano prevalentemente frumento, legname, carta e minerali vari e si importano combustibili e materiali da costruzione. I colegamenti urbani ed extraurbani sono molto sviluppati ed efficienti: da segnalare lo SkyTrain, un treno che corre su binari sopraelevati, completamente automatico, che colega con tre linee il centro della città con le aree suburbane. La città è servita dal Vancouver International Airport.

Curiosità

La città viene definita la Hollywood North (la Holywood del Nord): molte produzioni cinematografiche e televisive statunitensi, infatti, vengono girate qui perché i costi, rispetto gli Stati Uniti, sono molto più bassi. Nel febbraio 2010 la città ha ospitato i XXI Giochi olimpici e paralimpici invernali.

Media

Vancouver.