Questo sito contribuisce alla audience di

Venuti, Joe

violinista, compositore e direttore d'orchestra statunitense (Filadelfia 1902-Seattle 1978). È il caposcuola e il maggiore esponente del violinojazz, cui ha saputo dare un linguaggio insieme originale e naturale. Di famiglia italiana, divenne promettente violinista classico, ma si dedicò poi al jazz insieme all'amico Salvatore Massaro, detto Eddie Lang, chitarrista (Filadelfia 1903-New York 1933). I due formarono un originale duo violino-chitarra, in cui la musica popolare italiana era insieme mantenuta e ritradotta nel linguaggio del jazz. Il duo si allargò poi fino a quintetto, realizzando (1925-33) una memorabile serie di incisioni, che sono tra i capolavori del jazz bianco (Doin' Things, The Wild Dog, Kickin' the Cat, Vibraphonia, Raggin' the Scale). Il violino agile e virtuosistico di Venuti e la chitarra sonora e melodica di Lang si ascoltano in centinaia di dischi dell'epoca, tra cui incisioni di Bix Beiderbecke. Con la morte improvvisa di Lang, Venuti attraversò un lungo oblìo; per un po' fu attivo come direttore di un'orchestra swing, ma con modesto successo. Riemerse solo intorno al 1970, per vivere un'ultima, luminosa stagione creativa. Uomo di indole arguta (ha seminato per anni i biografi con false date di nascita e falsi aneddoti), ha lasciato composizioni ricche di spirito, in cui sono spesso derisi i luoghi comuni dei vari generi musicali.

Media


Non sono presenti media correlati