Questo sito contribuisce alla audience di

Verròcchio, Andrèa del-

scultore e pittore italiano (Firenze 1435-Venezia 1488). Dotato di straordinarie capacità tecniche e di uno squisito gusto decorativo, Verrocchio fu in scultura il maggiore rappresentante dell'intellettualismo fiorentino della seconda metà del secolo XV e fu a capo di una fiorente bottega, dove passarono artisti come Lorenzo di Credi e Leonardo. La ricchezza del suo linguaggio scultoreo si esprime nell'originalissima invenzione della tomba di Piero e Giovanni de' Medici (1472, Sacrestia Vecchia di S. Lorenzo), monumento senza figurazioni, tutto giocato sulla preziosità dei materiali e degli squisiti elementi decorativi; nella vibrante tensione dinamica dell'aristocratico David (1476, Firenze, Bargello), gareggiante per eleganza, se non per scatto poetico, con quello di Donatello; nel delicatissimo lirismo della Dama delle primule (Firenze, Bargello), per la quale non a caso si è parlato di influssi dello sfumato leonardesco; nel denso chiaroscuro plastico del celebre gruppo dell'Incredulità di San Tommaso per Orsanmichele (terminato nel 1483); nell'enfasi drammatica del monumento equestre a Bartolomeo Colleoni, in campo SS. Giovanni e Paolo a Venezia. Della produzione pittorica del Verrocchio ben poco sopravvive al drastico sfrondamento operato dalla critica che ha attribuito ora al Perugino ora a Lorenzo di Credi molte opere uscite dalla sua bottega; resta solo il discusso Battesimo di Cristo (Firenze, Uffizi), in cui è presente anche la mano del giovane Leonardo e di Botticelli.

Bibliografia

A. Busignani, Verrocchio, Firenze, 1966; M. Chiarini, Andrea del Verrocchio, Milano, 1966; G. Passavant, Verrocchio. Sculptures, Paintings and Drawings, Londra, 1969; P. Adorno, Verrocchio, Firenze, 1991.

Media

Andrea del Verrocchio.Andrea del Verrocchio.