Questo sito contribuisce alla audience di

Verwoerd, Hendrik Frensch

uomo politico sudafricano (Amsterdam 1901-Città del Capo 1966). Direttore dal 1938 del quotidiano Die Transvaaler di Johannesburg, non fece mistero del suo antisemitismo, della sua anglofobia e delle sue simpatie per il nazismo. Eletto senatore e capogruppo del National Party, nel 1950 divenne ministro degli Affari indigeni e nel 1958 assunse la guida del National Party e del governo. Convinto assertore della superiorità bianca, perfezionò la legislazione razzista dell'apartheid, provocando drammatiche tensioni culminate nel massacro di Sharpeville del marzo 1960 e nella messa al bando dell'African National Congress e del Pan-Africanist Congress. Ferito in un primo attentato nel 1960, fu assassinato nell'aula del Parlamento.

Media


Non sono presenti media correlati