Questo sito contribuisce alla audience di

Volgograd (provincia)

Guarda l'indice

(Volgogradskaja oblast’). Provincia della Russia sudoccidentale, 113.900 km², 2.635.640 ab. (stima 2006), 23 ab./km², capoluogo: Volgograd. Confini: province di Astrahan, Rostov, Saratov, Voronež, Repubblica dei Calmucchi; Kazakistan (E).

Generalità

Si estende nel settore sudorientale della parte europea della pianura Est Europea, su un territorio pianeggiante attraversato dal basso corso dei fiumi Volga e Don, che qui alimentano rispettivamente i bacini artificiali di Caricyn e Cimljansk. Il paesaggio comprende zone di steppa, steppa arida e aree semi-desertiche. Il clima è di tipo continentale con estati calde e asciutte e inverni freddi e poco nevosi. Il sottosuolo è ricco di idrocarburi (petrolio, gas condensato), potassio, magnesio, sodio e fosforiti (a Kalačevskoe e Trehostrovskoe). Presenti anche diversi depositi di metalli non ferrosi e di materiali da costruzione (argille, sabbie, carbonati). Il territorio conta inoltre innumerevoli sorgenti di acque minerali sotterranee. Risorse economiche principali per gli abitanti (russi, ucraini, kazachi, tatari) sono l'agricoltura (cereali, patate, ortaggi), l'allevamento (produzione di uova, carne, latte e lana), lo sfruttamento del sottosuolo e la produzione di energia idroelettrica: le industrie (produzione di trattori, gru; industrie navali; di elettronica, alimentari, chimiche e petrolchimiche) sono ubicate nel capoluogo e nelle città di Volžski, Kamyšin e Mihajlovka.

Storia

L'attuale capoluogo (originariamente Caricyn) nasce come fortezza per la difesa dei confini sudorientali della Russia, all'inizio del XVI secolo. A seguito di una serie di attacchi da parte dei Tatari di Crimea, Pietro il Grande fece costruire una linea di rinforzo e incoraggiò una politica di popolamento dell'area. Dopo la Rivoluzione d'Ottobre del 1917 la guerra civile scoppiò nell'area di Caricyn con particolare violenza, portando la città e le campagne circostanti alla rovina completa. Nel 1925 la città fu ribattezzata Stalingrado. Nell'estate del 1942 le truppe tedesche tentarono la conquista della città e per oltre sei mesi in tutta l'area infuriò una battaglia tremenda, finché le forze sovietiche sbaragliarono definitivamente gli avversari nel febbraio 1943. Capoluogo e villaggi dei dintorni furono completamente distrutti, così come le industrie e le aziende agricole della regione. Nel 1961, a seguito della destalinizzazione avviata nel 1956 da Nikita Kruščëv, la città e la provincia furono ribattezzate in Volgograd.

Media


Non sono presenti media correlati