Questo sito contribuisce alla audience di

Vorarlberg

Guarda l'indice

stato federato dell'Austria occidentale, 2601 km², 362.055 ab. (stima 2005), 139 ab./km², capoluogo: Bregenz. Confini: Tirolo (E); Germania (N), Svizzera (S, W), Liechtenstein (W).

Territorio

È il più piccolo Stato federato del Paese; un tempo conteso dalla Svizzera, oggi è fra le più attive regioni alpine industriali e turistiche. Il territorio, affacciato a NW al lago di Costanza, è prevalentemente montuoso, specialmente ai suoi margini meridionali (Reticone, Silvretta), orientale (Alpi di Lechtal) e settentrionale (Alpi dell'Algovia), mentre a W si abbassa nella pianura attraversata dal Reno, che qui segna il confine con la Svizzera. Al Reno e al lago di Costanza tributano rispettivamente i fiumi Ill e Bregenzer Ache, che incidono due lunghe valli orientate in direzione SE-NW. Grazie ai venti occidentali che riescono a penetrare nel territorio da NW, il clima del Vorarlberg gode di consistenti precipitazioni, mentre il territorio confinante al lago di Costanza ha un microclima temperato lacustre. L'importanza dell'agricoltura nella regione è ristretta, rispetto agli altri stati federali austriaci; rilevante risulta la produzione degli alpeggi e di formaggi di qualità (Vorarlberger Bergkäse). Il Vorarlberg è il secondo stato federale austriaco per produzione industriale con alta vocazione all'esportazione; il settore principale è il tessile (Dornbirn); anche i settori alimentare e del legno sono rilevanti e le industrie sono ubicate nel capoluogo e nelle città di Dornbirn, Lustenau, Feldkirch e Bludenz. Il settore turistico è attivo in inverno nei centri di Schruns, Lech e Stuben, presso il passo dell'Arlberg; in estate vengono visitate anche la valle del Reno e la regione del lago di Costanza.

Storia

La regione ebbe una civilizzazione romana quasi completamente distrutta dai barbari e fu poi sottoposta alla colonizzazione di Alamanni e Franchi. Nei sec. X-XII appartenne ai conti di Bregenz, poi a quelli di Montfort, che tra il sec. XV e il XVI la cedettero agli Asburgo, ai quali fu contesa dagli svizzeri. Riunita al Tirolo, ma con costituzione propria, da Giuseppe II (1782), passò con esso alla Baviera (1805) e definitivamente all'Austria (1815). Un nuovo tentativo di aggregazione alla Svizzera fallì dopo la prima guerra mondiale.