Questo sito contribuisce alla audience di

WDM

sigla dell'ingleseWavelength Division Multiplexing (multiplazione a divisione di lunghezza d'onda), usata per indicare una tecnica di trasmissione di segnali su fibra ottica. Tale tecnica presenta grandi vantaggi quando si desidera inviare su un collegamento ottico in fibra un segnale a banda larga (per esempio una decina di GHz). In questo caso può accadere che la fibra presenti un fenomeno di dispersione del segnale, cioè si comporti in modo differente alle varie frequenze di interesse. Utilizzando la tecnica WDM, il segnale originale viene suddiviso in più segnali a banda stretta, ciascuno dei quali viene inviato in fibra su una lunghezza d'onda ottica differente; i singoli segnali così, essendo a banda stretta, risentiranno meno del fenomeno di dispersione: la fibra infatti si comporta come se fossero inviati più canali indipendenti fra loro. Ovviamente in trasmissione occorrerà utilizzare un opportuno multiplatore, mentre in ricezione il demultiplatore provvederà a separare fra loro i singoli segnali.