Questo sito contribuisce alla audience di

Wagram, battaglia di-

battaglia combattuta tra gli austriaci e i francesi di Napoleone il 5 luglio 1809. Occupata il 22 maggio 1809 l'isola di Lobau, Napoleone passò il Danubio solo dopo aver ricevuto rinforzi dalla Dalmazia e dall'esercito d'Italia. All'alba del 5 luglio i due eserciti si trovarono di fronte. Gli austriaci erano agli ordini dei generali Klenau, Kollowrath, H. Bellegarde, Hohenzollern e Rosenberg; il vertice del comando era tenuto dall'arciduca Carlo. Per i francesi: il generale A. Massena all'estrema sinistra, il principe Eugenio al centro, con i generali A. Marmont, N. Oudinot e la Guardia imperiale; l'ala destra era formata dai soldati di L.-N. Davout; Napoleone muoveva l'intero schieramento. Dopo un primo vantaggio degli austriaci, l'artiglieria francese, comandata da J.-A.-B. Lauriston, ruppe ogni resistenza, oltrepassò Aderklau e giunse a Süssenbrun di fronte all'arciduca Carlo. Azioni altrettanto favorevoli furono portate avanti da Oudinot e dal principe Eugenio che arrivò sin sui poggi di Wagram. Gli Austriaci (che avevano perso 50.000 uomini contro i 34.000 degli avversari), dopo un tentativo di difesa a Gerarsdorf, ripiegarono verso la Moravia. Sei giorni dopo veniva pubblicato l'armistizio e il 14 ottobre era conclusa la pace a Vienna, alle condizioni dettate dai francesi.