Questo sito contribuisce alla audience di

Watkins, Peter

cineasta britannico (Norbiton 1935). Esponente solitario di un free cinema fortemente politicizzato, esordì nel 1964 con una ricostruzione televisiva della battaglia di Culloden, trasmessa in Italia col titolo L'ultimo degli Stuart, basata sul metodo dell'intervista diretta alla storia, con sua conseguente smitizzazione. L'apocalittico The War Game (1965), anticipazione di una guerra nucleare su una città inglese, non venne trasmesso dalla BBC che l'aveva commissionato, ma si guadagnò un Oscar l'anno successivo. Primo film destinato al cinema fu Privilege (1967), sul rapporto tra un cantante pop e il suo pubblico, mentre I gladiatori (1968) ripropose in Svezia un pamphlet fantascientifico sul gioco della guerra in epoca di pace. All'apologo sulla repressione Punishment Park (1971), realizzato negli USA, ha fatto seguito Edvard Munch (1976), acuto e partecipe saggio sulla vita e l'opera del pittore pre-espressionista norvegese.

Media


Non sono presenti media correlati