Questo sito contribuisce alla audience di

Woestijne, Karel van de-

poeta e narratore belga di lingua neerlandese (Gand 1878-Zwijnaarde 1929). Esprime nella sua opera poetica la tensione tra intelletto e sensi con un linguaggio raffinato e simbolico ricalcato su C. Baudelaire e P. Verlaine: La casa paterna (1903), L'ombra dorata (1910), L'uomo di fango (1920), Dio al mare (1926). La stessa disposizione caratterizza la sua narrativa (La presenza continua, 1918; Fantasie divine, 1918).