Questo sito contribuisce alla audience di

Zuiderzee

film documentario olandese (1930-34) di Joris Ivens. Iniziato muto coi lavori di prosciugamento dello Zuiderzee, terminò sonoro, tipico work in progress, con la chiusura della diga. Il ritmo fu scandito dal montaggio e da una partitura musicale di H. Eisler che è tra le più belle mai composte per il cinema; B. Brecht scrisse una ballata per la terza bobina dedicata, attraverso cineattualità, alla crisi economica mondiale e che fu proibita da molte censure. L'insieme delle tre parti è anche noto col titolo Nieuwe Gronden (Nuova terra) e costituisce una delle poche opere realizzate dall'“olandese volante” in patria, il vertice del suo epos lirico e un punto di riferimento artistico del documentarismo sociale.

Media


Non sono presenti media correlati