Questo sito contribuisce alla audience di

Zungri

comune in provincia di Vibo Valentia (22 km), 554 m s.m., 23,26 km², 2182 ab. (zungresi), patrono: san Nicola di Bari (6 dicembre).

Centro posto sul versante nordorientale del monte Poro. La sua origine è legata alla distruzione di Aramoni, avvenuta per opera di Roberto d'Angiò nel 1310; fu casale della baronia di Mesiano. Fu gravemente danneggiato dai terremoti del 1638, del 1783 e del 1905.§ La parrocchiale custodisce una tavola, di gusto raffaellesco, raffigurante la Madonna. Nella frazione di Papaglionti sono i resti del borgo antico, abbandonato in seguito a un'alluvione, e vestigia di epoca romana.§ L'agricoltura produce olive, uva, legumi, cereali e frutta; si pratica l'allevamento (ovino, caprino, suino), cui è legata la produzione di formaggi e salumi tipici. Alcune aziende operano nei settori della lavorazione dei metalli, delle materie plastiche e dei materiali da costruzione.§ Singolare e affascinante è il complesso rupestre che si trova ai margini dell'abitato, con un centinaio di case-grotte scavate nell'arenaria, organizzate spesso su due piani e collegate tra loro. Le grotte San Leo e degli Sbariati presentano affreschi bizantineggianti, molto probabilmente opera dei monaci basiliani.

Media


Non sono presenti media correlati