Questo sito contribuisce alla audience di

acidòfilo

agg. [acido+-filo].

1) In biologia, dicesi di organismo che vive in ambiente acido. Le cosiddette piante acidofile, per esempio, si sviluppano normalmente solo sui terreni acidi con reazione pH+ variabile tra 3,5 e 6. Specie acidofile tipiche sono il brugo, il mirtillo, il rododendro ferrugineo, la quercia da sughero, le eriche (salvo la scopina), il castagno e la felce aquilina, sebbene queste due ultime sopportino la presenza di calcare insolubile.

2) In citologia: elemento acidofilo, sostanza che si colora con coloranti acidi.

Media


Non sono presenti media correlati