Questo sito contribuisce alla audience di

acrocianòsi

sf. [acro-+cianosi]. Sindrome morbosa, conosciuta anche come acroasfissia, che consegue una carente ossigenazione dei tessuti delle estremità, per deficiente irrorazione arteriosa della cute provocata da spasmo dei capillari. È caratterizzata da colorito cianotico dei piedi e delle mani, e talvolta delle gambe, con ipotermia cutanea. L'acrocianosi è a carattere cronico, non è provocata da disturbi venosi ma per lo più da cause neurodistoniche. Compare inizialmente in età giovane e in prevalenza nelle donne. La protezione dal freddo è in pratica l'unica misura terapeutica, accanto alla quale può essere tentato un trattamento con farmaci simpaticolitici e vasodilatatori.

Media


Non sono presenti media correlati