Questo sito contribuisce alla audience di

adenovìrus

sm. inv. [adeno-+virus]. Gruppo di agenti patogeni responsabili di molte affezioni delle vie respiratorie e dotati di potere cancerogeno, noti anche con la sigla APC. Gli adenovirus sono stati scoperti nel 1953 da un gruppo di ricercatori americani. Sono costituiti da un nucleo di acido acido desossiribonucleico racchiuso entro un aggregato (capside) regolare a forma di icosaedro, formato da 1500 subunità asimmetriche, identiche fra loro, di natura proteica, raggruppate in 252 unità (capsomeri) ciascuna con l'aspetto di un prisma attraversato da un canale e con diametro di ca. 700 Å. La presenza di tre costituenti antigenici nelle particelle degli adenovirus ha permesso di suddividerli in quattro sottogruppi: quelli in grado di agglutinare le emazie delle scimmie; quelli in grado di agglutinare le emazie dei ratti; quelli in grado di agglutinare le emazie dei ratti ma solo dopo l'azione di un immunosiero eterotropico; quelli che non provocano agglutinazione. Complessivamente sono state individuate varie decine di adenovirus, la maggior parte dei quali provocano affezioni nell'uomo; le affezioni tipiche interessano soprattutto le vie respiratorie (sindromi faringee, congiuntivali, polmonari, bronchiali, mialgie, angine, adenopatie, enteriti, ecc.); gli adenovirus possono sussistere anche per lungo tempo allo stato latente e scatenare la loro azione tossica in seguito alle cause più varie. La loro trasmissione avviene per via aerea o per contatto con secreti delle vie respiratorie. Gli adenovirus resistono a variazioni della concentrazione idrogenionica dell'ambiente e all'etere; il loro sviluppo è bloccato dal fluoro-uracile, dalla iododesossiuridina e dalle cetosinarobinosidi. Dal punto di vista profilattico si sono realizzati vaccini multipli, particolarmente attivi sui tipi 2, 4, 7.

Bibliografia

A. Lwoff, P. Tournier, The Classification of Viruses, in “Ann. Rev. Microbiol.”, 20, 45, 1966; S. E. Luria, J. E. Darnell jr., General Virology, New York, 1967; R. Dulbecco, Ginsberg, Virologia, Padova, 1985.

Media


Non sono presenti media correlati