Questo sito contribuisce alla audience di

agàrico (botanica)

sm. [dal greco agarikón, agarico]. Nome comune attribuito oggi a più specie appartenenti a diversi generi della divisione Basidiomiceti. Un tempo sotto tale termine venivano fatte rientrare tutte le forme fungine aventi corpo fruttifero lamellato. Le specie più note sono l'agarico chiomato (Coprinus comatus), l'agarico violetto (Lepista nuda), l'agarico nebbioso (Clitocybe nebularis) e l'agarico delizioso (Lactarius deliciosus). Quest'ultimo, appartenente alla famiglia Russulaceae, è il più noto ed è chiamato anche lapacendro buono . Ha cappello carnoso, all'inizio con margine involuto, poi disteso e un po' ondulato, con depressione centrale anche accentuata; superficie viscida con il tempo umido, talvolta con evidenti zonature concentriche; colore da ocra-arancio ad arancio-rosso anche con tonalità brunastre e macchie più colorate o di colore verdastro, soprattutto negli esemplari maturi o stramaturi. Le lamelle sonofitte, sottili, decorrenti sul gambo, con numerose lamellule e colore arancio più o meno vivo. Il gambo, di analogo colore, è cilindrico, più corto del cappello, presto cavo; talvolta con superficie decorata da scrobicoli (piccole fossette) di colore rosso-aranciato, più intenso della superficie. La carne è soda, più o meno spessa, bianca all'interno del gambo e arancio vivo verso l'esterno. Quella del cappello vira al verdastro al taglio, come il colore dell'abbondante latice, inizialmente arancio-rosso carota. L'odore è caratteristico, fruttato, poco definibile, e il sapore è più o meno dolce o anche un po' acre. Le spore hanno color crema in massa. È specie comune nei boschi di pino, di cui è simbionte obbligato di alcune specie (spesso di Pinus sylvestris). Cresce in fine estate-autunno ed è un buon commestibile. Simili a questa specie sono il lapacendro sanguigno (Lactarius sanguifluus), con latice di un tipico color rosso sangue, e Lactarius salmonicolor, che però cresce sotto gli abeti. Il peveraccio delle coliche (Lactarius torminosus), specie tossica dai colori rosa-aranciati e con peluria sul cappello, ha invece latice bianco e acre.

Media

Agarico.