Questo sito contribuisce alla audience di

agostiniano

agg. e sm. [sec. XVII; dal nome di S. Agostino].

1) Agg., relativo a S. Agostino.

2) Agg. e sm., seguace della dottrina di S. Agostino; chi fa parte di un ordine monastico che segue la regola agostiniana.

Cenni storici

La regola per le comunità religiose s'ispira, nei suoi principi fondamentali, all'epistola 211, che S. Agostino scrisse per le monache di Ippona e che venne largamente adottata nel Medioevo sia nei monasteri femminili sia in quelli maschili. Essa rispondeva felicemente alle esigenze del culto liturgico da una parte e dall'altra dava un giusto spazio alle necessità del ministero pastorale, senza eccessivi rigorismi e angustianti minuzie. Fra le diverse varianti che si conoscono va ricordata la Regola ad servos Dei, che veniva detta “autentica” in quanto si ritrovavano in essa (sebbene redatta per comunità religiose maschili) tutti i principi informatori della succitata lettera di S. Agostino.

Media


Non sono presenti media correlati