Questo sito contribuisce alla audience di

agrimensura

sf. [sec. XVIII; dal latino agrimensūra]. Parte della topografia che si occupa della misura, delle divisioni e della rappresentazione della superficie agraria. I problemi della misura del terreno erano già noti nell'antichità: si conoscono papiri egizi del 1700 a. C. che danno norme pratiche per la ripartizione dei terreni; è inoltre noto che le legioni romane avevano al seguito degli esperti agrimensori, i gromatici, che avevano il compito di misurare e di suddividere le terre conquistate. Queste operazioni costituirono i primi rilevamenti topografici eseguiti con metodi scientifici e per tale motivo il termine agrimensura fu usato all'inizio per indicare l'intera topografia e solo molto più tardi fu inteso in senso restrittivo come rappresentazione e misura di aree. È da notare che per superficie agraria non si intende la superficie effettiva del terreno, ma la sua proiezione planimetrica, ossia la proiezione su un piano orizzontale. La superficie effettiva, infatti, è soggetta a continue variazioni dovute agli agenti esogeni che ne modificano la morfologia (per esempio, frane, alluvioni, ecc.); inoltre l'estensione di una coltura è proporzionale allo sviluppo orizzontale del terreno. I metodi impiegati in agrimensura si dividono in tre grandi categorie. I metodi numerici, che sono i più precisi, consentono di ottenere l'area mediante il calcolo sfruttando i dati del rilevamento planimetrico (planimetria). Con i metodi grafici l'area viene ricavata misurandola su una rappresentazione planimetrica fatta in una determinata scala. I metodi meccanici consistono in misure con strumenti meccanici (planimetri) su una rappresentazione cartografica. Altri scopi dell'agrimensura sono la ripartizione di un terreno in appezzamenti e la rettifica di confini tra due proprietà. Questi problemi sono essenzialmente geometrici, ma si seguono alcune norme pratiche intese a mantenere la linea di divisione fra proprietà il più possibile rettilinea e a evitare la formazione di angoli acuti che disturberebbero le coltivazioni.

Media


Non sono presenti media correlati