Questo sito contribuisce alla audience di

ambarvali

sm. pl. Rito romano di purificazione dei campi che si compiva nella seconda metà di maggio. Nell'ambito del culto privato, ciascuno lo faceva per i propri campi e, nell'ambito del culto pubblico, era eseguito dalla confraternita sacerdotale degli Arvali, in un campo sacro. Il rito consisteva nel sacrificio a Marte (e più tardi a Cerere), preceduto da invocazioni a Giano e a Giove. Le vittime sacrificali, un maiale, un montone e un toro (suovetaurilia), prima di essere uccise, venivano fatte girare attorno (amb-) ai campi (arva) da purificare; di qui discende il nome del rito (ambarvalia).

Media


Non sono presenti media correlati