Questo sito contribuisce alla audience di

amminosidina

sf. Antibiotico prodotto dallo Streptomyces chrestomiceticus, dalle cui colture viene generalmente isolato. Ha struttura oligo-saccaridica, abbastanza simile a quella della neomicina. Viene impiegata sotto forma di solfato, polvere bianca, cristallina, solubile in acqua e stabile nelle soluzioni acquose. L'amminosidina possiede spiccata attività nei confronti dei micobatteri tubercolari e di numerosi germi Gram-positivi. A concentrazioni elevate agisce anche sui microrganismi Gram-negativi, sull'Entamoeba histolytica e sul Trichomonas vaginalis. L'amminosidina è utilizzata per via parenterale nelle infezioni pneumococciche e stafilococciche dell'apparato respiratorio e nelle infezioni delle vie urinarie sostenute da germi sensibili. Grazie al suo scarso assorbimento intestinale, è indicato nella terapia orale delle forme infettive dell'intestino prodotte da batteri dei generi Salmonella e Shigella.

Media


Non sono presenti media correlati