Questo sito contribuisce alla audience di

anàlisi (economia)

studio dei fenomeni economici dal punto di vista teorico, storico e statistico. Può riguardare il comportamento di tutti gli aggregati di un sistema economico e i rapporti di interdipendenza fra loro esistenti (macroanalisi); oppure il comportamento e le connessioni fra singole unità economiche, singoli beni, produttori, consumatori (microanalisi); oppure il comportamento di singoli settori o unità del sistema, ma al di fuori di ogni possibile legame con gli altri (analisi parziale). L'analisi è detta statica, se considera le relazioni esistenti fra gli elementi del sistema economico in un dato istante di tempo; dinamica, se considera le relazioni tra quantità che appartengono a diversi istanti di tempo. L'analisi dinamica può essere periodale o continua secondo se si assume che il tempo sia diviso in segmenti discreti oppure possa variare continuamente. Per analisi della domanda e analisi marginale, vedi, rispettivamente, domanda e marginalismo. § Analisi dei costi e dei benefici, metodo che permette di scegliere fra più progetti di investimento quello più vantaggioso sulla base della stima comparata dei costi da sopportare e dei benefici che ne possono derivare. § Analisi di bilancio, valutazione critica del bilancio di un'impresa, dal punto di vista patrimoniale, finanziario ed economico, condotta soprattutto ai fini della concessione di credito da parte di una banca. § Analisi della formulazione delle decisioni, nell'organizzazione aziendale, esame dei fatti aziendali finalizzato a determinare i metodi di approccio che consentano valutazioni quantitative degli stessi e forniscano quindi elementi oggettivi sui quali basarsi per prendere decisioni in merito all'azione da intraprendere. L'analisi organizzativa si articola in: A) analisi del lavoro, da considerarsi prioritaria, poiché attraverso metodologie e tecniche impegnate è possibile cogliere il fattore lavoro nei suoi diversi aspetti (strutturali, strumentali, dimensionali, ambientali). Decisive risultano le tecniche di misurazione dei tempi di lavoro (MTM); B) analisi delle posizioni di lavoro per cogliere le difficoltà di esecuzione di ogni specifica fase dell'attività, individuando quindi le caratteristiche che dovrebbe possedere il titolare della posizione; C) analisi delle procedure aziendali, allo scopo di identificare i collegamenti e i ruoli delle singole unità organizzative. Questo tipo di analisi costituisce elemento prioritario per valutare l'opportunità e la qualità dei processi di automazione; D) analisi per la realizzazione degli ambienti di lavoro, che rappresenta un elemento determinante per l'efficace rendimento degli addetti.