Questo sito contribuisce alla audience di

anfisbèna

(ant. anfisibèna e anfesibèna), sf. [sec. XIII; dal greco āmphísbaina, serpente che cammina in due sensi, tramite il latino amphisbaena].

1) Lett., favoloso serpente della Libia, immaginato con una testa per ciascuna estremità, in modo che potesse strisciare indifferentemente in direzioni opposte.

2) In araldica, è il serpente alato o drago alato, la cui coda ravvolta a spire termina in una seconda o più teste.

3) Denominazione comune dei Rettili Squamati, sottordine dei Sauri, appartenenti ad alcuni generi della famiglia degli Anfisbenidi, e in particolare al genere Amphisbaena. L'anfisbena bianca (Amphisbaena alba) propria dell'America meridionale, supera il mezzo metro di lunghezza e si alimenta soprattutto di formiche. Anfisbene bipedi vengono invece chiamati gli appartenenti al genere Bipes, dell'America centrale, in quanto posseggono dei pur ridottissimi arti anteriori.