Questo sito contribuisce alla audience di

antoniani

denominazione comune a diversi ordini religiosi, che nell'organizzazione e nello spirito che li anima s'ispirano agli insegnamenti di Sant'Antonio del deserto. § Già verso il 305 una colonia di eremiti si era posta sotto la guida spirituale del santo, formando una specie di comunità. L'opera fu continuata dai suoi imitatori, che nel corso del sec. IV costituirono in Egitto colonie di solitari, che nel corso del tempo raccolsero fino a 6000 persone: ogni eremita viveva del proprio lavoro e al vespro si ritirava nella cella, dove iniziava il canto dei salmi; al sabato e alla domenica era celebrato il servizio divino in comune. Tra i fondatori si annoverano Sant'Ammonio (nella Nitria) e San Macario (nella regione di Scete). Gli Antoniani di Vienne, sorti nel 1095 in occasione dell'epidemia di ergotismo gangrenoso (il cosiddetto “fuoco di Sant'Antonio”), si dedicarono alla cura di questo male e furono costituiti in ordine da Bonifacio VIII (1297) con la regola di Sant'Agostino. Confluirono nell'Ordine di Malta nel 1778. Oggi gli Antoniani sono diffusi principalmente in Medio Oriente, dove operano l'Ordine Maronita della Beata Maria Vergine, l'Ordine Libanese Maronita, l'Ordine Antoniano Maronita e l'Ordine Antoniano di S. Ormisda dei Caldei. Dei suddetti ordini, i primi tre hanno sede in Libano, l'ultimo in Iraq.

Media


Non sono presenti media correlati