Questo sito contribuisce alla audience di

armaménto

Guarda l'indice

Lessico

sm. [sec. XIV; da armare].

1) L'armare e l'armarsi. In particolare, al pl., insieme delle armi che equipaggiano un mezzo navale, aereo o terrestre. L'armamento comprende, oltre alle bocche da fuoco, i dispositivi lanciabombe, i tubi lanciasiluri e le rampe di lancio di razzi e missili. L'armamento individuale e di reparto è più esattamente detto equipaggiamento. Con il termine armamento si indica inoltre l'insieme dei mezzi corazzati dei pezzi di artiglieria in dotazione a una divisione.

2) Nella tecnica, l'insieme di dispositivi, organi, accessori, attrezzi, ecc., necessari per il funzionamento di un impianto, di un'apparecchiatura, di una macchina, di un veicolo, ecc. In particolare, nelle linee elettriche, telefoniche e telegrafiche aeree, complesso di accessori meccanici (ganci, perni, mensole) collegati ai pali e destinati a sostenere i conduttori e gli isolatori, che però non ne fanno parte: armamento di un impianto telefonico; armamento ferroviario. In senso più specifico: A) il complesso degli uomini e degli attrezzi necessari al funzionamento di un'arma da fuoco (cannone, mitragliatrice, ecc.). B) Armamento di una nave, quanto occorre alla sua attrezzatura in uomini e materiali; di una nave da guerra, anche il complesso delle armi di bordo.

3) Il complesso delle imprese armatoriali di uno Stato: armamento italiano. In diritto, l'armamento fa parte del patrimonio dello Stato.

Marina

Per le navi mercantili, il numero di armamenti è stabilito dai regolamenti degli istituti di classificazione (Registri Navali) in base al modulo d'armamento, numero che dipende dal tipo, dalle dimensioni, dal dislocamento della nave stessa. I regolamenti contengono anche prescrizioni relative alle sistemazioni di armamenti che sono costituite dagli apparecchi per il salpamento (argani, verricelli), dal pozzo delle catene, dalle cubie, dagli apparecchi per il tonneggio, ecc. L'armamento delle navi militari è fissato in base a criteri analoghi, ma più cautelativi rispetto a quelli per le navi mercantili. Il termine indica anche le operazioni da compiere per fornire la nave di materiali e uomini necessari alla navigazione e alle sue funzioni.