Questo sito contribuisce alla audience di

arte comportamentale

filone dell'arte concettuale basato sull'utilizzazione del corpo come forma di espressione artistica non legata al teatro convenzionale. L'arte comportamentale, cui si ricollegano anche le manifestazioni della body art, si fonda su atteggiamenti e azioni di cui l'artista stesso è protagonista o deuteragonista e per lo più mette in luce componenti autoerotiche, narcisistiche, masochistiche, filtrate in genere da atmosfere surreali e colte. Tra i suoi esponenti più significativi vanno ricordati J. Beuys, B. Vautier, V. Acconci, A. Rainer, U. Lüthi, Gilbert & George, H. Nitsch e gli italiani G. De Dominicis, V. Pisani, G. Pane. Per certi versi, l'arte comportamentale presenta forti affinità con parallele esperienze di teatro underground e di ricerca, come quelle del Living Theatre e del Teatro Cricot 2 di T. Kantor.

. Webtrekk 3.2.2, (c) www.webtrekk.com -->