Questo sito contribuisce alla audience di

arterioscleròsi

(anche arteriosclèrosi), sf. [da arteria+sclerosi]. Complesso di alterazioni anatomiche a carattere degenerativo e proliferativo che riguarda soprattutto l'intima delle arterie. Il quadro anatomo-patologico dell'arteriosclerosi, nei vari segmenti dell'albero arterioso, è determinato dal prevalere o meno di alcune lesioni degenerative che possono essere: la placca aterosclerotica delle grandi arterie (aterosclerosi e ateroma), la calcificazione delle piccole e medie arterie, la degenerazione ialina dei vasi più piccoli. L'arteriosclerosi è di grande importanza clinica data la sua predilezione per le arterie coronariche, cerebrali e degli arti, nelle quali determina una riduzione del calibro vasale, cofattore di fenomeni trombotici parzialmente o totalmente ostruttivi del lume arterioso. È, inoltre, una condizione morbosa particolarmente diffusa; colpisce, generalmente, individui di 50-60 anni, per quanto si possa riscontrare anche nell'età giovanile. Nei due sessi vi è una diversa incidenza in quanto la donna, durante il periodo di vita riproduttiva, è meno colpita rispetto all'uomo. L'arteriosclerosi può essere primitiva o secondaria ad altre affezioni (diabete, mixedema, ipertensione arteriosa, iperlipidemie familiari, ecc.). In quest'ultimo caso è legata per patogenesi e terapia alla malattia principale; vi è sempre un rapporto tra lo sviluppo della malattia e l'aumento del tasso dei lipidi ematici, in particolare del colesterolo, e una correlazione con la pressione arteriosa e con alterazioni della parete arteriosa. La profilassi dell'arteriosclerosi include: la riduzione del peso corporeo, nei casi di obesità, e un'alimentazione equilibrata per quanto riguarda i grassi con predilezione dei grassi vegetali insaturi (olio, margarina vegetale, ecc.) rispetto ai grassi animali saturi (lardo, salumi, panna, burro, ecc.); un'attività fisica regolare (che comporta un maggiore consumo energetico portando a combustione i depositi lipidici dopo la demolizione degli zuccheri); la correzione dell'ipertensione arteriosa, l'abolizione di alcolici e fumo di sigaretta.

Bibliografia

L. N. Katte, J. Stamler, Experimental Atherosclerosis, Springfield, 1953; M. Sandler, G. B. Bourne (a cura di), Atherosclerosis and its Origin, New York-Londra, 1963; Recenti progressi nello studio dell'aterosclerosi (simposio internazionale), Atene, 1966; Atherosclerosis: Recent Advances, in “Annals of the New York Academy of Sciences”, CIL, 585, 1968; E. Ciaranfi, L'arteriosclerosi, in “Trattato di patologia generale”, Milano, 1968; G. Martines, Aterosclerosi, Bologna, 1984.

Sapere in video

L'arteriosclerosi

Guarda il video!

Media


Non sono presenti media correlati