Questo sito contribuisce alla audience di

associazióne stellare

gruppo di stelle, generalmente di giovane età (alcuni milioni di anni) aventi comune origine fisica. Tali stelle presentano caratteristiche spettrali, fotometriche e dinamiche comuni, tali da consentire la loro individuazione nel gruppo di appartenenza. Il sovietico V. A. Ambarcumian scoprì che le stelle bianco-azzurrine dei tipi O e B, di più alta temperatura superficiale, formano generalmente associazione di un centinaio di membri distribuiti, in un raggio di 30-300 parsec, intorno a un ammasso aperto che ne individua il luogo e il nucleo d'origine. Di età ancor più recenti sono le associazioni stellari del tipo T Tauri, astri di luminosità variabile, non ancora fisicamente stabilizzati dopo l'emersione dalla materia interstellare nella quale, di solito, appaiono ancora immersi. Ogni associazione stellare manifesta forte tendenza alla dispersione centrifuga dei membri, cosicché questi appaiono dotati di velocità spaziali considerevoli: nell'associazione II Per (nel Perseo) tali velocità si aggirano intorno ai 15 km/s, ma raggiungono gli 80 – e anche i 130 km/s – in alcuni membri dell'associazione di Orione "Per approfondire vedi Gedea Astronomia vol. 1 pp 188-189 ; vol. 4 pp 246-251" "Per approfondire vedi Gedea Astronomia vol. 1 pp 188-189 ; vol. 4 pp 246-251" .