Questo sito contribuisce alla audience di

attìnio

sm. [sec. XX; dal greco aktís -înos, raggio]. Elemento chimico di simbolo Ac e numero atomico 89; l'isotopo a semiperiodo più lungo è l'attinio 227 (9 Ac) che ha un periodo di dimezzamento di ca. 22 anni. L'attinio rientra tra gli elementi radioattivi ed è presente in minima quantità, insieme con il radio, nei minerali dell'uranio. Scoperto nel 1899 da A. Debierne ma isolato come elemento libero, in minima quantità, solo nel 1947, l'attinio prende origine in natura da uno degli isotopi dell'uranio, l'uranio 235. È fortemente radioattivo; dal punto di vista chimico si collega al gruppo dei lantanidi. L'attinio metallico è di colore bianco argenteo, simile al lantanio metallico; al buio emette luce bluastra prodotta dalla sua radioattività; cristallizza nel sistema monometrico e ha un punto di fusione a ca. 1050 ºC. Data la sua rarità e la difficoltà di separarlo dai minerali dell'uranio, l'attinio presenta oggi interesse puramente scientifico. § Seguito da lettere, attinio A, B,. C,, C‟, D, K, X, designa rispettivamente gli isotopi radioattivi polonio 215, piombo 211, bismuto 211, polonio 211, tallio 207, piombo 207, francio 223 e radio 223.