Questo sito contribuisce alla audience di

bène (filosofia)

Guarda l'indice

Definizione

Valore, principio su cui si fonda il comportamento etico. Il termine, anche nel linguaggio corrente, ha una molteplicità di significati riconducibili a due gruppi fondamentali. Il primo è quello corrispondente al suo uso sostantivato. Sia che si parli “del bene” (per esempio il bene della patria, dell'umanità, ecc.) o “di un bene” (bene di consumo), si intende qualcosa di sussistente per sé e che possiede un intrinseco valore.

Il concetto di bene nelle dottrine antiche

A tale uso corrisponde filosoficamente la teoria ontologica del bene, il cui modello tipico è definito da Platone come superiore e insieme fondamento della realtà ideale e della conoscenza che ne abbiamo. Colui che ha portato alle estreme conseguenze questo discorso è Plotino, accentuandone il carattere religioso. Tale teoria sostanzialistica del bene è presente, pur in un diverso orizzonte, nella filosofia medievale, in particolare in quella tomistica e, nella filosofia moderna, è riconoscibile nell'idealismo hegeliano. Il suo secondo significato è corrispondente al suo uso avverbiale o all'uso dell'aggettivo buono. Tale uso pone prevalentemente in luce l'aspetto soggettivo (per esempio: quest'abito mi sta bene), anche se talora non gli è estraneo un significato aggettivale: per esempio dicendo “è un buon compagno” posso intendere che è un buon compagno per me (giudizio soggettivo), ma anche che è un buon compagno in sé (giudizio oggettivo). Secondo il concetto filosofico quest'uso è quello tipico della valutazione morale, dove ci troviamo di fronte al soggettivismo dei sofisti, dell'illuminismo e dell'empirismo, in cui il termine buono viene identificato con ciò che è bene, che è utile per me. Una delle teorie più esplicite in questo senso è quella di Bentham. Una posizione particolare hanno infine Aristotele e Kant: il primo osserva che una cosa non è voluta perché bene, ma è bene perché voluta; il secondo mantiene al bene il valore di oggettività. Una cosa è dunque bene non in riferimento al soggetto empirico né in riferimento a una gerarchia di valori estrinseci a esso, ma in quanto è l'oggetto di una volontà buona, di una volontà cioè la cui massima d'azione ha l'universalità e necessità (oggettività) di una legge.

Il concetto di bene nel cristianesimo

Nel cristianesimo il concetto di bene discende direttamente da Dio, che nella infinità delle sue perfezioni è il “bene sommo”, che, estrinsecandosi nella creazione, dà a tutto il creato il suo valore ontologico e la sua dignità di cosa buona. Tale concetto ripete i motivi fondamentali del platonismo e nel contempo si basa sull'analogia entis che si richiama ad Aristotele. In Dio il bene lo muove verso le sue creature compenetrandole del suo amore e collocandole in un disegno di provvidenza che le fa ritornare a lui come fine ultimo dell'universo e dei singoli; nelle creature il bene le muove al loro fine perfezionandole nel loro essere. In tal modo il bene è veramente il primo principio causale di quanto avviene e il principio motore e coordinatore degli altri principi. In forza di queste considerazioni lo Pseudo-Dionigi enuncerà il principio Bonum est diffusivum sui, che troverà ampia applicazione in teologia. San Tommaso farà discendere da esso la creazione e l'incarnazione. Per la sua capacità a muovere la volontà il bene sarà al centro di tutta la vita morale cristiana.

Media


Non sono presenti media correlati