Questo sito contribuisce alla audience di

batticulo

sm. [sec. XVII; impt. di battere+culo].

1) Parte dell'armatura che proteggeva i fianchi e le natiche.

2) Ciascuna delle falde dell'abito maschile da cerimonia; per estensione, l'abito stesso.

3) Sistema impiegato nella fase iniziale del varo di una nave per spingere l'invasatura, vincendo l'attrito di primo distacco. È costituito da una robusta trave di legno, disposta trasversalmente sullo scalo, che fa forza contro le estremità a monte dei vasi, sotto la trazione di due cavi fissati ai suoi estremi e facenti capo a bozzelli, paranchi, ecc.

4) Vela di forma quadrangolare, tesa da un pennoncino fissato alla punta del picco fino al cassero, usata talvolta col vento in poppa al posto della randa. Anche lo scopamare messo sottovento al di sotto delle vele, con venti deboli e larghi, nel caso di navi attrezzate con vele latine.

Media


Non sono presenti media correlati