Questo sito contribuisce alla audience di

benzìlico

agg. (pl. m. -ci) [da benzile]. Detto di composto organico che contiene o che deriva dal radicale benzile. § Acido benzilico, composto di sintesi, di formula (C6H5)₂C(OH)COOH, derivato del difenilmetano; è dotato di proprietà spasmolitiche e tranquillizzanti. È noto anche come acido α-idrossidifenilacetico. § Alcol benzilico, composto chimico di formula C6H5CH₂OH che rappresenta il termine più semplice della serie degli alcoli aromatici. In natura l'alcol benzilico è frequente, libero oppure esterificato con gli acidi acetico, benzoico e cinnamico, in molti oli essenziali tra cui quelli di gelsomino, di giacinto, ecc. L'alcol benzilico si prepara industrialmente a partire dal toluene: questo si fa reagire con cloro trasformandolo in cloruro di benzile C6H5CH₂Cl, dal quale si ottiene l'alcol benzilico per idrolisi con carbonati alcalini o per riscaldamento con carbonato di potassio. L'alcol benzilico è un liquido incolore, di intenso odore aromatico, dotato di azione anestetica locale. Viene impiegato nell'industria dei profumi e in campo farmaceutico come anestetico, antipruriginoso e aggiuntivo di soluzioni iniettabili aventi azione irritante. È anche usato come solvente di vernici e di smalti e, nell'industria tessile, come agente tintoriale per filati di nylon. § Etere benzilico, etere aromatico, di formula C6H5CH₂OCH₂C6H5, ottenuto per disidratazione dell'alcol benzilico. Trova impiego come plastificante per acetato e nitrato di cellulosa, solubilizzante per gomma naturale e sintetica e, in miscela con ossido di zinco, in creme e lozioni per profumeria.

Media


Non sono presenti media correlati