Questo sito contribuisce alla audience di

brigate partigiane

formazioni partigiane italiane consistenti in media di trecento uomini. Le brigate partigiane, ripartite in unità operative minori, si qualificarono secondo l'ideologia politica che animava i loro componenti. Si costituirono così le brigate cattoliche (le Fiamme Verdi), le brigate del popolo e le "formazioni di Dio”, che riconoscevano E. Mattei come loro rappresentante negli organi unitari della Resistenza; le brigate Matteotti, di ispirazione socialista, sorte nella primavera del 1944 al comando di S. Pertini e G. Stucchi; le brigate Giustizia e Libertà, formazioni combattenti del Partito d'Azione, guidate da F. Parri; le brigate Garibaldi, d'ispirazione comunista, le più consistenti numericamente, agli ordini di L. Longo; le brigate Mazzini (già GARAL dal settembre 1943 e brigate Mameli dal gennaio-novembre 1944), formazioni combattenti del Partito Repubblicano, comandate da E. Frigè; le brigate autonome, nelle quali confluirono molti ex militari che vollero mantenere un carattere di apartiticità alla loro lotta antifascista e antinazista.

Media


Non sono presenti media correlati