Questo sito contribuisce alla audience di

brolétto

sm. [dim. di brolo].

1) Anticamente, campo coltivato e cintato.

2) Palazzo municipale dei comuni medievali dell'Italia settentrionale, detto anche arengario; anche la piazza in cui si teneva l'assemblea popolare. Il termine entrò nell'uso comune per definire il palazzo civico a partire da quello di Milano, iniziato nel 1233 dal podestà Oldrado da Tresseno al posto dell'antico palazzo dei consoli, situato in un campo cintato. Lo schema distributivo caratteristico del broletto prevede: piano terreno aperto a portici, grande aula per adunanze pubbliche al piano superiore, loggia per le arringhe sulla facciata, torre campanaria comprendente archivio, tesoro e carceri. Tra i più noti esempi di broletti si ricordano quello di Monza e quello di Como .

Media

Broletto.