Questo sito contribuisce alla audience di

cùneo

sm. [sec. XIV; dal latino cunĕus].

1) Attrezzo prismatico a sezione triangolare in acciaio impiegato per spaccare tronchi, pietre, ecc. Il cuneo è una macchina semplice costituita da un prisma a base quadrata o rettangolare con sezione verticale a forma di triangolo isoscele. Viene utilizzato per trasmettere sulle superfici inclinate delle forze di maggiore entità di quelle applicate sulla base. Infatti, detto α l'angolo al vertice del cuneo e F la forza agente sulla sua base, la forza che il cuneo esercita sui fianchi è R=F/2 sin α.

2) In sensitometria, cuneo ottico, lastra trasparente, ricoperta di materiale via via sempre più opaco, utilizzata per determinare la curva di sensibilità di una pellicola fotografica .

3) Con rif. alla forma dell'attrezzo: A) in geologia, cuneo composto, struttura derivante dall'associazione di un sistema di faglie i cui piani sono convergenti inferiormente verso una linea unica; cuneo listrico, struttura di grandi dimensioni compresa fra due piani di taglio convergenti a forma di cuneo, determinata da spinte tangenziali. Tali elementi tettonici tendono a sovrapporsi durante la deformazione scivolando gli uni sugli altri e sul substrato autoctono dando luogo a tipiche falde di ricoprimento. B) In meteorologia, area di alta pressione che si diparte da un anticiclone in cui le isobare presentano una disposizione a V. Nel cuneo il tempo è generalmente sereno con atmosfera limpida e venti deboli; spesso il cuneo è successivamente sostituito da un'area di bassa pressione che segnala l'arrivo di un ciclone. C) In anatomia, piccolo lobo che occupa la parte posteriore della faccia mediale di ciascun emisfero cerebrale.

Sapere in video

Il cuneo

Guarda il video!

Media


Non sono presenti media correlati